La banca del tempo sociale: chi trova un amico trova un tesoro!

La banca del tempo sociale: chi trova un amico trova un tesoro!

Grazie alla collaborazione tra la Provincia di Biella e i Bambini delle Fate, insieme ad imprenditori e imprenditrici del territorio, è nato a Biella il progetto Banca del Tempo SocialeLegami Oltre le Differenze coordinato dalla Cooperativa Sociale di Solidarietà Domus Laetitiae con la collaborazione delle associazioni 

A.gen.da., ANGSA e la cooperativa Big Picture Learning.

Il progetto ha lo scopo di offrire a ragazzi e ragazze con autismo e disabilità, l’occasione di trascorrere del tempo in modo diverso con dei coetanei delle scuole superiori dando loro l’opportunità di fare un’esperienza formativa e di avvicinarsi al mondo del sociale in una struttura organizzata per diventare parte integrante di un percorso di crescita comune. Il progetto coinvolge tutti gli Istituti di Istruzione superiore di secondo grado: I.I.S. “Gae Aulenti”; I.T.I.S. “Q. Sella”; I.I.S. “E. Bona”; I.I.S. “G. e Q. Sella”; Liceo “A. Avogadro”; Big Pictures Learning; I.I.S. del Cossatese Valle Strona. 

A questa iniziativa partecipano 82 studenti, di cui 12 con disabilità, di classe terza, quarta e quinta di tutti gli istituti superiori della provincia di Biella; oltre a 10 ragazze/i con disabilità che hanno concluso il proprio percorso scolastico. Dal punto di vista organizzativo i partecipanti vengono suddivisi in gruppi, per svolgere in autonomia attività e uscite assieme in orario extrascolastico per 2 ore settimanali, supportati dalla figura di un’educatrice/tutor che li aiuterà nella pianificazione/ organizzazione degli incontri e nella gestione delle spese che verranno interamente rimborsate. Per questo impegno tutti i partecipanti riceveranno dei buoni per l’acquisto di libri e sarà previsto anche il riconoscimento di crediti formativi 

Sono diversi gli aspetti positivi di questo progetto: si vuole promuovere la creazione di una rete di supporto ai ragazzi e ragazze con disabilità, la nascita di amicizie e relazioni, il miglioramento dell’autonomia, il senso di “alleggerimento” che provano i genitori nel vedere il figlio uscire e vivere anche delle attività fino ad allora impensabili nonché il beneficio collettivo di un’esperienza che punti ad accrescere la sensibilità generale della comunità del domani verso il sociale, verso chi rimane un passo indietro. Se questi gruppi di ragazzi sapranno costruire delle relazioni che continueranno nel tempo, allora avremo raggiunto il nostro scopo, perché chi trova un amico trova un tesoro!  

La partecipazione al progetto garantirà a ciascun partecipante il riconoscimento dei crediti formativi in base alle disposizioni di ciascun istituto e un sostegno finalizzato alla crescita personale (es. Buono acquisto libri). 

Tra le aziende del territorio sostenitrici del progetto, c’è anche SASIL, società del Gruppo con sede a Brusnengo (Biella), che con questo contributo ha voluto affermare il suo ruolo etico e di responsabilità sociale d’impresa. Un progetto di inclusione che valorizza la crescita, la responsabilizzazione e la formazione dei giovani, e che ci auspichiamo continui a diffondersi nel nostro Paese. 

Un ringraziamento particolare al Presidente della Provincia di Biella Emanuele Ramella Pralungo, che si è messo in prima linea per attivare il progetto, e a Donatella Coda Zabetta, coordinatrice per le province di Biella/Vercelli/Torino. 

 

Se vuoi contribuire anche tu, scopri come fare la differenza: https://www.ibambinidellefate.it/cosa-puoi-fare-tu/